OBESITÀ INFANTILE E MALATTIE METABOLICHE

È la patologia nutrizionale più frequente in età evolutiva.
Solo nel 5% dei casi le cause sono genetiche o endocrine. Nel restante 95% essa è dovuta ad un bilancio energetico positivo (errori alimentari e sedentarietà).

Il nostro staff è costituito da un’equipe multidisciplinare: pediatra nutrizionista, dietista, psicologo. Ci occupiamo di prevenzione, diagnosi e terapia.

 

[toggle title=”PREVENZIONE” open=”no”]
Nell’ambito della prevenzione sviluppiamo progetti di educazione alimentare, con finalità comuni anche alla prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare.
Promuoviamo l’adozione di un menù educativo all’interno della refezione scolastica, fondato su varietà e qualità degli alimenti: prodotti di stagione e provenienti dal territorio circostante.
Forniamo consigli ed indicazioni per la lotta alla sedentarietà e la promozione di stili di vita salutari.

[/toggle]

[toggle title=”DIAGNOSI” open=”no”]

La diagnosi avviene tramite una valutazione multidisciplinare in tre fasi, così come per i disturbi del comportamento alimentare.

  • Visita medica: valutazione non invasiva, che dura pochi minuti senza disagi per il bambino. Comprende antropometria (rilevazione di statura, peso, circonferenze, pliche sottocutanee) ed esame clinico (pressione arteriosa, stadio puberale).
  • Valutazione endocrino-metabolica: procedure non invasive che richiedono un semplice prelievo di sangue per la valutazione di alcuni parametri metabolici (glicemia, insulinemia, alt, ast, colesterolemia, HDL, trigliceridemia, PCR, vitamina D, TSH), calorimetria indiretta, bioimpedenziometria.
  • Valutazione psicologica: viene effettuata con il coinvolgimento dei genitori, mediante colloquio e somministrazione di test orali per la valutazione di eventuale disagio psicologico e il rischio di disturbi del comportamento alimentare.

[/toggle]

[toggle title=”TERAPIA” open=”no”]

La terapia viene modulata in base all’età, all’entità dell’eccesso ponderale, alla presenza di fattori di rischio e di complicanze mediche. In tutti i casi vengono fornite ai genitori indicazioni per la modifica dello stile di vita familiare.

Quando necessario, viene attivato un percorso terapeutico multidisciplinare rivolto solo ai genitori nel caso di soggetti in età prepubere, esteso anche al paziente dopo la pubertà.

Il trattamento multidisciplinare può essere fornito anche a piccoli gruppi di famiglie e prevede l’intervento del dietista e dello psicologo con la supervisione medica.

Per favorire l’applicazione delle indicazioni fornite vengono realizzati campi scuola residenziali estivi con un programma di attività fisica in ambiente naturale e corretta alimentazione.

[/toggle]

[toggle title=”COMPLICAZIONI: DISLIPIDEMIE” open=”no”]
Le dislipidemie sono alterazioni del metabolismo lipidico (processo di assorbimento, trasformazione ed eliminazione dei grassi).
Possono manifestarsi con l’aumento del colesterolo e/o dei trigliceridi, che costituisce uno dei più rilevanti fattori di rischio cardiovascolare.
Nel nostro centro questi casi vengono trattati precocemente con terapia nutrizionale e/o farmacologica.
[/toggle]
[toggle title=”COMPLICAZIONI: MALATTIE EPATICHE” open=”no”]
Sono disturbi che interessano il fegato, organo chiave dei processi metabolici. Si possono presentare con aumento delle transaminasi (ALT, AST) nel sangue e steatosi epatica, comunemente detto “fegato grasso”, all’esame ecografico.
La causa principale è costituita dall’eccesso ponderale, il cui trattamento è in grado di evitare la cronicizzazione del danno epatico.
[/toggle]
[toggle title=”COMPLICAZIONI: IPERTENSIONE ARTERIOSA” open=”no”]
L’ipertensione arteriosa è una patologia molto nota per la sua elevata diffusione negli adulti.
Consiste in un aumento della pressione arteriosa oltre i valori di riferimento relativi all’età del paziente.
Può essere primaria, cioè senza apparenti cause scatenanti, o secondaria, cioè dovuta ad altri disturbi o patologie.
Assieme alle dislipidemie è uno dei più rilevanti fattori di rischio cardio vascolare, per cui è necessaria la sua individuazione precoce che consente la tempestività del trattamento.
[/toggle]